00 8/7/2009 1:51 PM
Una storia che ha dell’incredibile arriva da Savona dove un ragazzo di appena vent’anni ha preso d’assalto un convento allo scopo di riprendersi la sua fidanzata che aveva deciso di prendere i voti.
La ragazza, anche lei ventenne, aveva appena deciso di chiudere la sua storia d’amore perché animata da una fede irrefrenabile che l’aveva spinta ad entrare in convento per farsi suora.
Il suo fidanzato, sconvolto davanti alla decisione della sua amata, ha però deciso di non demordere e di provare ad utilizzare tutti gli espedienti possibili per cercare di farle cambiare idea.


Così si è recato a Cassino nella speranza di poterci parlare per convincerla a fare marcia indietro.
I suoi tentativi sono però stati inutili, la ragazza è stata gentile ma ferma e ha cercato di fargli capire che era nelle sue vere intenzioni diventare una brava monaca e dedicare tutta la sua vita al Signore.
Spiegate le sue motivazioni, lo ha invitato a tornarsene a casa sua e a non cercarla mai più.
Il giovane, innamoratissimo a quanto pare, non ha però demorso e all’indomani, dopo la notte insonne trascorsa a cercare di darsi pace, non ha saputo resistere alla tentazione di bussare alla porta del convento che tiene “prigioniera” la donna del suo cuore.


Non avendo ricevuto risposta ha deciso quindi di fare un ultimo, estremo tentativo.
Si è armato di pazienza ed ha disegnato un enorme striscione nel quale gridava tutte le sue speranze di uomo innamorato alla fidanzata pentita: “ Ti amo, torna con me! ”. Ma anche il suo ultimo gesto carico d’amore è caduto nel vuoto e, davanti alla caparbietà della ragazza, ha dovuto gettare la spugna e rassegnarsi a prendere il treno che lo avrebbe riportato in Liguria, lontano da quell’amore infelice.