00 9/26/2009 1:02 PM
ROMA - Il premier Silvio Berlusconi, di ritorno da Pittsburgh, si è recato all'aeroporto di Ciampino per salutare personalmente Benedetto XVI in partenza per Praga. Ratzinger ha salutato e ha avuto un breve colloquio con Silvio Berlusconi all'aeroporto di Ciampino. Il premier lo ha poi accompagnato fino alla scaletta dell'aereo, parlando con lui fitto fitto. Insieme a Berlusconi anche il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta.

In attesa che arrivasse il Pontefice, il Premier ha avuto un incontro di circa un quarto d'ora con il segretario di stato vaticano, cardinal Tarcisio Bertone. Lo ha riferito il portavoce vaticano padre Federico Lombardi. Con il Papa, Berlusconi si è invece intrattenuto per un paio di minuti.
Benedetto XVI è poi partito per Praga, prima tappa del viaggio apostolico di tre giorni nella Repubblica Ceca. L'Airbus A320 dell'Alitalia con a bordo il Papa è quindi atterrato a Praga alle ore 11.15. All' aeroporto di Stara Ruzyne lo aspettavano il presidente ceco Vaclav Klaus, i rappresentanti della Chiesa cattolica e del governo.

Dalla crisi bisogna uscire con "un senso di responsabilità più forte del senso del profitto", con "un senso di responsabilità più forte dell'egoismo": lo ha detto il Papa ai giornalisti durante il viaggio. In volo verso la Repubblica Ceca, il cuore d'Europa dove il 66% della popolazione dichiara di non credere in Dio, Benedetto XVI ha esortato la Chiesa cattolica ad essere "una minoranza creativa, capace di permeare il futuro anche attraverso un dialogo con gli agnostici". Il Papa ha riferito ai giornalisti che il suo polso - rotto nel luglio scorso in Valle d'Aosta - sta meglio: adesso può mangiare e scrivere con la mano destra, e spera di completare il suo nuovo libro, la seconda parte di "Gesù di Nazareth" per la prossima primavera. "Non ho ancora pienamente recuperato - ha detto durante una conferenza stampa in quota -. Posso però mangiare e scrivere. Il mio pensiero si sviluppa scrivendo e per me è stato una pena non poter scrivere per sei settimane". "Ora - ha aggiunto - sono andato avanti nel libro. Ma ho ancora molto da fare. Forse terminerò per la prossima primavera, ma questa è una speranza".